giovedì 3 gennaio 2008

Alcune considerazione sull'intervento di Pileri e Telco 2.0


Il punto che ritengo maggiormente interessante (lo trovate al 2:32:00) è sullo sviluppo del mercato relativo al broandband wireline in due marco filoni:

1. Mercato della distribuzione dei media digitali (differente dalla creazione dei contenuti) in crescita del 13% annuo. All'interno di questo filone vanno considerati anche i servizi UGC.

2. Mercato dell'informatica e dei servizi ICT abilitati dalla rete in crescita del 6% annuo in paese che cresce poco come l'Italia. Nel caso di nazioni a crescita e diffusione del broadband più elevata si arriva ad una crescita del 10% annuo.

Questi due filoni rapprensetano i due pilastri della Telco 2.0, sia in termini di partecipazione e collaborazione degli utenti, che per ora si sviluppa soprattutto nel filone 1., ma che già attraverso gli strumenti collaborativi e di application/knowledge sharing dimostra elementi di interesse anche nel filone 2., sia per quanto riguarda il tema della convergenza del settore IT e di quello TLC, al punto che software vendors come Microsoft propongono servizi di fonia tramite VoIP, o attori come Google rappresentano un rischio per operatori telco consolidati come AT&T.

Aggiungerei che entrambi i filoni si basano su un concetto social.

Nel primo caso si può parlare di social network, nel secondo caso di social compunting.

In entrambi i casi considero che le evoluzioni architetturali e tecniche vadano inserite all'interno di piani di investimento infrastrutturale nazionali.

Nessun commento: